Passa ai contenuti principali

Limonov di Emmanuele Carrère



Il libro è uscito nel 2012, è stato un caso letterario, scelto da "Repubblica" e dal "Corriere della sera", come il miglior libro, ha vinto la XV edizione del premio Malaparte e in Francia il premio Renaudot.

È una biografia romanzata su Eduard Limonov, pseudonimo di Eduard Veniaminovich Savenko, scrittore e politico russo che, qualche giorno fa, ha compiuto 71 anni. Prima del bestseller di Emmanuel Carrère, nessuno lo conosceva, se non in Russia. Quando Carrère gli ha chiesto un parere sul libro, ha risposto così: «Non te lo dico. Forse un giorno te lo dirò o forse non te lo dirò mai. È meglio così». 




Nicolas Sarkozy, durante una seduta del Consiglio dei Ministri della Repubblica francese, raccomandò loro di leggere Limonov, «Ve la consiglio per comprendere la Russia». 

Eduard Limonov è stato un teppista in Ucraina; idolo dell’underground sovietico; barbone e poi domestico di un miliardario a Manhattan; scrittore alla moda a Parigi; soldato nei Balcani e, dopo la caduta del comunismo in Russia, capo carismatico dell’Altra Russia, un partito che si oppone a Putin. 

Si legge, anche, per evadere dalla realtà, ma quando, hai in mano un libro come questo tutto vacilla: la realtà e il romanzo coincidono o comunque ci vanno molto vicino, tanto da non distinguere dove inizia una e comincia l’altro. 

Alla fine della lettura ci si sente frastornati, come alla fine di un giro sulla giostra, e abituato alle categorie di una società occidentale, che marca la differenza tra il bene e il male, risulta difficile comprendere Limonov, personaggio e persona. 

Il giudizio su Limonov, persona, rimane sospeso: un eroe, una carismatica canaglia o un avventuriero. Il giudizio sul personaggio, costruito da Carrère, compiuto; è vero, il “materiale umano” non era stereotipato ma si poteva cadere nell’errore di rendere il personaggio non credibile, ma  chi legge Carrère, da qualche tempo, non ne è stupito, nel suo Paese fa incetta di premi, secondo Les Inrockuptibles è uno dei migliori autori francesi viventi.

Limonov di Emmanuel Carrère
Editore: Adelphi
Anno di pubblicazione: 2012 Fabula
Pagine: 356

Commenti

  1. Eduard Limonov è ancora in gran forma, e un vero "rock star" in Russia:
    http://www.tout-sur-limonov.fr/222318802

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…

Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti

Sesso come strumento di controllo e di potere: dossier, lettere, minacce, accuse vere e false oscenità, inganni, arresti, frodi, ricatti, utilizzati come arma politica.
Ma non è attualità, anche se ci sono diverse affinità con il presente, segno che l’Italia non cambia e che la radice marcia è ben salda.
E’ il film – documentario che questa sera alle 21:05 aprirà il nuovo ciclo “La Grande Storia”, con l’aiuto di documenti dell’Archivio di Stato, vengono raccontate truffe e speculazioni, profitti illeciti, malversazioni, scandali, carriere strepitose del Regime. E poi soldi e sesso, ma anche Segreti.
Rapporti con le logge, ed alleanza con i gran maestri, e la chicca, da poco svelata: nel 1942Mussolini ha fatto accreditare su un conto dello IOR, l’Istituto Opere Religiose, la banca del Vaticano, ben tre milioni di dollari, circa 61 milioni di euro, con l’ordine di trasferirli negli Stati Uniti.
Gli ingredienti sono ben noti, passano gli anni cambiano i commensali, ma il banchetto “Ital…