Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2011

Il 2011 su twitter in foto e su google

In questo periodo ogni anno si fa il resoconto del passato. Ognuno pensa a quello che ha e a quello che ha perso, ai sogni e a quelli che rimangono da realizzare. Con lo spumante in mano ognuno a mezzanotte del 31 dicembre fa il suo bilancio, a quello collettivo ci pensano i giornali, le tv e internet.  La storia siamo noi cantava De Gregori, oggi la tweetiamo noi, per rileggerla in hashtag c’è questo sito. Per immortalare un attimo non c’è di meglio che una foto, tutte quelle significative dell’anno il POST le ha raccolte per noi qua. Infine, quanto tempo abbiamo trascorso a fare ricerche su google? Per scoprire gli eventi che hanno avuto la più rapida ascesa tali da divenire tendenza, qui, ci sono i primi dieci.
Buon 2012.

Zia Antonia sapeva di menta di Andrea Vitali

Ho scoperto Andrea Vitali per caso, ho letto, infatti, “Parola di cadavere” della collana Racconti d’autore del sole 24 ore e mi è piaciuto. Bello lo stile di Vitali, un tuffo indietro nel tempo nel saper raccontare italiano. Tutte le storie che racconta sono ambientate a Bellano che è il paese in cui vive e dove esercita la professione di medico. Anche quest’ultimo libro edito Garzanti, è ambientato nella sua bella città, in particolare nella casa di cura gestita dall’energica suor Speranza.

Ernesto, il nipote che aveva accudito la zia per tre anni, andava a trovarla ogni giorno e, conosceva bene l'odore delle mentine di cui tanto era golosa e che circondava la sua cara parente, ma quel giorno nella stanza aveva sentito odore di aglio. Un particolare che accompagnerà il lettore di pagina in pagina e che coinvolgerà anche l’altro nipote Antonio, che non ha mai voluto sapere nulla della zia, il dottor Fastelli e il direttore della filiale del credito Orobico. Gli ingredienti per un…

Il barbone e il ragazzo

Questo è un mio racconto che è stato pubblicato dal 28 Novembre al 2 Dicembre su cinquecapitoli.it
Quante persone s’incontrano per strada, ognuno con le proprie storie; c’è l’uomo che mi osserva da lontano e prima di avvicinarsi con gli occhi bassi cambia marciapiede, c’è la signora che dà la moneta al suo bimbo che è felice di donarmela, ci sono i due amici anziani che si fermano proprio accanto a me per parlare degli acciacchi della vecchiaia e vanno via senza darmi neanche uno sguardo. C’è il cane che mi annusa, c’è il triste, l’annoiato, chi ce l’ha con il mondo intero e chi anche oggi ha un pensiero e fa qualcosa per gli altri. Sono un barbone! Vivo ai margini della società da quasi dieci anni, possiedo solo una penna e scrivo, dove mi capita. I dieci anni prima sono stati devastanti, una disgrazia tirava l’altra; fino allora non avevo conosciuto eventi negativi e la mia più grande sofferenza erano stati i brufoli adolescenziali. Avevo ventitré anni quando improvvisamente venne a m…

Blacklands di Belinda Bauer

Ho letto l’ebook aderendo all’iniziativa di Marsilio Blogger di tutta Italia: a voi la parola!” e oggi concludo, scrivendo questo post, il percorso iniziato il 9 Novembre qui.
Che cosa accade quando una famiglia vive un profondo dolore? Come è vissuta da un bambino la sofferenza e cosa è capace di pensare e di fare per liberare la nonna, la mamma e il fratellino dalla nebbia che ha offuscato le loro vite? Queste sono le domande che si è fatta l’autrice, Belinda Bauer, scrivendo questo libro, uno dei migliori esordi polizieschi britannici degli ultimi anni.
Steven Lamb ha dodici anni da tre scava buche nell’Exmoor. Cerca suo zio Billy che quasi vent’anni fa è scomparso, vittima del serial killer Arnold Avery. Steven vorrebbe far ripartire il tempo, tutto è immobile tutto rimanda al giorno prima della tragedia: la nonna in piedi davanti la finestra della cucina aspetta; la camera dello zio con le tende azzurre, la stazione spaziale costruita con i lego, sulla parete sopra il letto, una s…

Mare al mattino di Margaret Mazzantini

E’ la storia di due donne dei loro figli e di due Paesi ora amici ora nemici.
Angelina ha vissuto per quarant’anni a Tripoli, a seguito del piano di colonizzazione del governatore Italo Balbo che portò decina di migliaia di Italiani in Libia, ma ben presto il deserto trasformato in orti diventò teatro di guerra e, la scoperta del petrolio ha mutato definitivamente il territorio, la società, l’economia e gli equilibri internazionali.
La famiglia di Angelina cacciata dalla Libia quando arrivò in Italia erano gli anni settanta; un periodo di intense lotte politiche che sfociarono nell’estremismo. Sono gli anni del terrorismo e delle tante stragi ancora oggi senza nessun colpevole. In questo clima i tripolini erano soli, non c’era tempo da dedicare a queste famiglie. Oggi Angelina ha un figlio “Vito guarda il mare. Sua madre un giorno gli ha detto devi trovare un luogo dentro di te, intorno a te. Un luogo che ti corrisponda.”
Jamila è una madre ragazzina che fugge dalla guerra nel suo Paese,…

Mr Gwyn di Alessandro Baricco

Ho finito di leggere Mr Gwyn e mi dispiace. Mi ero affezionato a Jasper Gwyn. Uno scrittore di quarantatré anni che vive a Londra. Un giorno mentre camminava per Regent’s Park decide di stravolgere il puzzle della sua vita. Scrive un articolo sul “Guardian” una lista di cinquantadue cose che non avrebbe fatto più: la prima, scrivere articoli per il Guardian, l’ultima scrivere libri.
Non sa bene cosa fare senza il gesto quotidiano della scrittura, ma un giorno entra in una galleria e rimane affascinato dai quadri di un artista e comprende cosa vuole fare: il copista, scrivere ritratti. Trova un garage lo arreda; un divano, un letto, qualche sedia la musica e, poi la luce.
Una luce è giusto uno spicchio di una storia. Se c’è una luce che è come lei, ci sarà anche un rumore, un angolo di strada, un uomo che cammina, molti uomini, o una donna sola, cose del genere. Non si fermi alla luce, pensi a tutto il resto, pensi a una storia.
Si fa costruire diciotto lampadine - “… le Caterina de’ …

Kindle da oggi anche in Italia

Il vostro mal di schiena è peggiorato da quando leggete gli ebook sul vostro pc? Be' forse c'è un rimedio. E' disponibile da qualche ora sul sito Amazon Italia il Kindle Basic:  schermo da 6 pollici ad inchiostro elettronico E Ink;alto 16,6 cm largo 11,4 cm con uno spessore di 0,87 cm.pesa solo 170 grammi;contiene fino a 1.400 libri
Certo sul mercato c'erano altri ebook reader  ma ho l'impressione che la facilità di utilizzo e sopratutto il prezzo contenuto di questo siano elementi che stuzzicano all'acquisto.
Il prezzo? 99,00 euro.
Se vuoi acquistarlo qui
Se vuoi scegliere gli ebook in italiano qui