Passa ai contenuti principali

L'impostore di Javier Cercas



Il libro è il racconto vero di una menzogna durata trent’anni: il presidente dell’associazione dei deportati spagnoli nei campi nazisti non è mai stato in un campo nazista.

Enric Marco è un’impostore.

Colui che aveva ricoperto la carica di presidente dell’Amical de Mauthausen non era chi diceva di essere. Aveva imbrogliato tutti.

Quando uscì la notizia, che ebbe un’eco planetaria, Marco che era riuscito negli anni a essere un personaggio adorato, un eroe civile, venne apostrofato su tutti i media con commenti denigratori: canaglia, miserabile, svergognato, criminale, traditore, spazzatura …

Marco venne smascherato da Benito Bermejo, uno storico, nella primavera del 2005, quando era sul punto di diventare il primo ex deportato spagnolo a parlare in una commemorazione ufficiale della liberazione del lager, per di più quella del sessantesimo anniversario, per di più alla presenza dell’allora premier José Luis Zapatero.

Cercas racconta i suoi dubbi; scrivere il libro avrebbe significato capire e quindi giustificare, come scriveva Primo Levi a proposito dell’Olocausto. Scrivere la storia di un bugiardo, come diceva Fernando Arrabal, sarebbe stato un paradosso «Il bugiardo non ha storia. Nessuno si azzarderebbe a fare la cronaca della menzogna né a proporla come una storia vera. Come raccontarla senza mentire?».

Ma il passato non passa mai, non è neppure, come diceva Faulkner, passato è soltanto una dimensione del presente. E allora non si può far finta di nulla, non si può lasciare che la memoria che è individuale copra la verità storica; Marco è un uomo comune. Ha tentato di farsi passare per eroe. Non lo fu. Nessuno è obbligato a esserlo. Per questo gli eroi sono eroi, scrive Cercas.

Ma scrivere un libro su un impostore nascondeva anche un rischio personale. Capote che scrisse A sangue freddo, il suo capolavoro, la storia vera di un assassino di una famiglia di contadini del Kansas, secondo Emmanuele Carrére con quel romanzo si salvò come scrittore ma si condannò come essere umano e il lungo processo di autodistruzione personale, a opera dell’alcol, dello snobismo e della malvagità, che seguì alla pubblicazione, fu il prezzo che lo scrittore pagò per la sua viltà. Quando Carrére iniziò a scrivere L’avversario la storia di un impostore di nome Jean-Claude Romand che ammazzò la moglie, i due figli piccoli e i genitori perché non scoprissero la sua impostura, voleva imitare Capote, raccontare la storia con impassibilità e distacco, escludendo i suoi dilemmi morali tuttavia alla fine Carrére scese di non farlo, scelse di raccontare la storia in prima persona, rivelando anche le sue perplessità morali: «Penso senza esagerazioni che questa scelta mi abbia salvato la vita.», afferma Carrére.


L’impostore è un libro straordinario, perché straordinaria è la storia di Enric Marco, l’uomo che a cinquant’anni, invece di accontentarsi di sognare, ha riscritto la sua vita facendone un romanzo; tra realtà e menzogna ha scelto la menzogna perché gli ha permesso di vivere. È un libro straordinario perché Cercas ha deciso di svelarci non solo la vita reale di Marco ma anche la sua, scavando nel profondo dello scrittore e dell’uomo.


Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice


Anno di pubblicazione: 2015


 Pagine: 416

Commenti

Post popolari in questo blog

Le otto montagne di Paolo Cognetti

È una storia di formazione, di padri, di figli e di amicizia. Al centro della storia la montagna, più che un luogo un altro personaggio, il principale, un simbolo.
Pietro vive a Milano è un ragazzino introverso, la mamma lavora in un consultorio e il papà è un chimico. Appena possono e soprattutto in estate si trasferiscono in montagna, a Grana un paese ai piedi del monte Rosa. I genitori si sono conosciuti in montagna, innamorati e sposati, Pietro in montagna ha conosciuto Bruno, il suo unico amico. Bruno ci vive in montagna, porta al pascolo le mucche, lavora il formaggio con i cugini e gioca con Pietro tra i ruderi e il torrente. In quegli anni Pietro inizia a camminare con il padre alla scoperta delle cime e di se stesso e in quelle montagne dopo la morte del padre lì lo riscoprirà.Cognetti è proprio bravo, usa la lingua senza fronzoli, le parole sono quelle giuste, concrete. Le otto montagne è un caso editoriale, venduto circa in 30 paesi in occasione della Fiera di Francoforte, …

Una sera di luglio di Carlo Scalfaro

Una sera di luglio del 1961, Carlo Scalfaro salii su un treno, aveva quindici anni. Il treno era diretto a Torino dove si sarebbe svolta la manifestazione nazionale della federazione giovanile comunista e la mostra “Italia 61” organizzata per la celebrazione dei primi cento anni dell’Unità d’Italia. Questo libro è il racconto del percorso personale, politico di quel ragazzo, di quella generazione a partire da quella sera del 1961. Un racconto di parte, di un comunista che ancora in larga misura analizza la realtà attraverso il metodo marxista, senza ritenersi sconfitto ma sapendo che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta. Carlo Scalfaro è stato un dirigente del Partito comunista catanzarese e poi un dirigente sindacale della Cgil. Attraverso i suoi ricordi questo libro restituisce a chi c’era la memoria di quegli anni, a chi non c’era fornisce elementi di conoscenza su un periodo molto vivace della storia calabrese e italiana, dall’omicidio di Gigino Silipo…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…