Passa ai contenuti principali

Panorama di Tommaso Pincio





Pincio ha guardato oltre il presente, il futuro possibile, oppure l’altro oggi, quello che ha visto è una umanità fatta paesaggio in cui il verbo leggere o ascoltare è stato sostituito dal verbo guardare. Una società in cui una minoranza di lettori è sconfitta dalla maggioranza che odia l’atto del leggere, tanto da imporre il proprio cieco punto di vista con la violenza. In questa società non c’è più posto per una libreria. Le pagine dei libri sono state sostituite dalle pagine del social network, si è passati dallo sbirciare tra le pieghe dei personaggi di letteratura allo sbirciare la vita di fantasia che davanti a un monitor ogni frequentatore del social network si costruisce.


Ottavio Tondi, il protagonista, che di quella minoranza era stato una star, il lettore puro - legge continuamente e in ogni luogo, senza alcun obiettivo personale, sociale, professionale -, mentre cammina sul ponte Sisto, con un libro in mano, viene aggredito da un gruppo di ragazzi, quell’episodio lo segnerà al punto che non riuscirà più a leggere. Affiderà il suo appassimento alla droga e a Panorama, un social network, un moderno panopticon, che obbliga l’iscritto a puntare una web cam su un ambiente qualsiasi di casa; un futuro vicino solo un po’ diverso.

Su Panorama per quattro anni scambierà messaggi privati con una ragazza molto più giovane di lui, ormai cinquantenne, e si incanterà a guardare il letto di Ligeia Tissot, senza mai riuscire a vederla e a conoscerla realmente.


Un libro per chi ama i libri. Tanti sono i libri citati, Ottavio Tondi che non può più leggere, scrive in un taccuino le Memorie delle cose lette prima di dire m’addormento.


I libri citati:

    ·        Le ragazze dell’Eur di Paolo del Colle;
    ·        La vita al tempo di pace di Francesco Pecoraro;
    ·        I prossimi Titani: conversazioni con Ernst Junger e il dio degli acidi: conversazioni con Albert Hofmann di Antonio Gnoli e Paolo Volpi;
    ·        Acque chete di Mario Esquilino ( ma che in realtà è Pincio);
    ·        Azzurra tenebra di Giovanni Arpino;
    ·        Una solitudine troppa rumorosa di Bohumil Hrabal;
    ·        Jane Eyre di Charlotte Bronte;
    ·        Le vite parallele di Plutarco;
    ·        Il diario di una giovinetta di Anonima viennese;
    ·        La donna d’altri di Gay Talese;
    ·        Nel bosco di Thomas Hardy;
    ·        Il testamento francese di Andrei Makine;
    ·        Processo a Cinecittà di Antonella De Frate;
    ·        Il postino di Neruda di Antonio Skarmeta;
    ·        L’anno della vittoria di Mario Rigoni Stern;
    ·        Bruges la Morta di Georges Rodenbach;

Un libro sul sottile filo tra realtà e finzione. Nel libro alcuni personaggi sono persone reali e per ragioni di affetto e stima Pincio ne usa l’identità.

Essi sono:

    ·        Teresa Ciabatti;
    ·        Andrea Cortellessa;
    ·        Paolo Del Colle;
    ·        Giuseppe Genna;
    ·        Antonio Gnoli
    ·        Francesco Pecoraro.


Panorama di Tommaso Pincio

Editore: NNeditore

Anno di pubblicazione: 2015

Pagine: 200


Commenti

Post popolari in questo blog

La compagnia delle anime finte di Wanda Marasco

Dopo il meraviglioso Il genio dell’abbandono, Wanda Marasco torna a raccontare Napoli. Città dei paradossi, palcoscenico ideale per i personaggi che vengon fuori dalla penna della scrittrice. 
La voce narrante è di Rosa, seduta accanto al letto della madre morta, le parla, rievoca l’infanzia di Vincenzina, l’incontro con Rafele, suo padre, l’ostilità dei Maiorana, il prestito a usura prima subìto per pagare le cure di Rafele e poi praticato da Vincenzina, l’amica Annarella che vive con la madre pazza, il maestro Nunziata, e Mariomaria «la creatura che ha dentro di sé una preghiera rovesciata»; tutte “anime finte” che hanno un guasto.
La Marasco racconta nei suoi romanzi gli umiliati e gli offesi, la sua scrittura coglie le interiorità umane, le parole sono uno scandaglio che scendono negli abissi dell’animo di chi legge, lo scrutano, lo interrogano. Chi legge rimarrà incantato dalla scrittura poetica, evocativa, teatrale della Marasco.

Il libro, tra i dodici finalisti al premio Strega,

Nel guscio di Ian McEwan

Un romanzo irreale. L’io narrante è un non nato.
Un feto a testa in giù nel guscio materno assiste alle trame omicide della madre e del suo amante, lo zio Claude, un ricco immobiliarista. Dalla sua posizione non può vedere ma ascolta il piano per uccidere il padre, poeta sconosciuto e innamorato della moglie, assiste impotente al crimine. 
Nel guscio è una riproposizione di Amleto a partire dall'epigrafe “Oddio, potrei anche essere confinato in un guscio di noce e sentirmi il re di uno spazio infinito – se non fosse la compagnia di brutti sogni.”, una tragedia la cui narrazione non si snoda tra le mura del castello di Elsinore ma nella posizione privilegiata del ventre materno. 
Il piccolo ascolta dunque, ma non solo le voci anche gli stati corporei della madre, il battito cardiaco, avverte la pressione sanguigna e interpreta la madre da ciò che dice, dal suo agire e dal suo intimo. Ha il tempo per porsi delle domande, un fluire di dubbi, fino al supremo dubbio amletico essere o non…

Purity di Jonathan Franzen

Il libro è suddiviso in sette capitoli, interessante è il parallelo tra il regime socialista e quello digitale, tra i dossier della Stasi e quello della rete che mi ha fatto pensare all’ultimo libro di Renato Curcio, L'egemonia digitale e in particolare al passo in cui Curcio dice: “Nel Grande imprigionamento digitale – a differenza dei totalitarismi che hanno afflitto il secolo passato – sono i nostri “dati” e i nostri “profili” che vengono rastrellati, deportati e internati mentre i nostri corpi vengono lasciati “liberi” di imbrigliarsi ulteriormente nella Rete affinché possano contribuire incessantemente a produrre gratuitamente ulteriori aggiornamenti.
I personaggi sono complessi, ci sono intrecci erotici e soprattutto cerebrali, ognuno dei personaggi cerca di fare i conti con il passato, alcuni lo vorrebbero eliminare, altri metterlo in luce, tutti sono divorati dal senso di colpa e tutti hanno dei segreti e i segreti cosa sono se non il segno distintivo, la cifra identitaria…