Passa ai contenuti principali

Panorama di Tommaso Pincio





Pincio ha guardato oltre il presente, il futuro possibile, oppure l’altro oggi, quello che ha visto è una umanità fatta paesaggio in cui il verbo leggere o ascoltare è stato sostituito dal verbo guardare. Una società in cui una minoranza di lettori è sconfitta dalla maggioranza che odia l’atto del leggere, tanto da imporre il proprio cieco punto di vista con la violenza. In questa società non c’è più posto per una libreria. Le pagine dei libri sono state sostituite dalle pagine del social network, si è passati dallo sbirciare tra le pieghe dei personaggi di letteratura allo sbirciare la vita di fantasia che davanti a un monitor ogni frequentatore del social network si costruisce.


Ottavio Tondi, il protagonista, che di quella minoranza era stato una star, il lettore puro - legge continuamente e in ogni luogo, senza alcun obiettivo personale, sociale, professionale -, mentre cammina sul ponte Sisto, con un libro in mano, viene aggredito da un gruppo di ragazzi, quell’episodio lo segnerà al punto che non riuscirà più a leggere. Affiderà il suo appassimento alla droga e a Panorama, un social network, un moderno panopticon, che obbliga l’iscritto a puntare una web cam su un ambiente qualsiasi di casa; un futuro vicino solo un po’ diverso.

Su Panorama per quattro anni scambierà messaggi privati con una ragazza molto più giovane di lui, ormai cinquantenne, e si incanterà a guardare il letto di Ligeia Tissot, senza mai riuscire a vederla e a conoscerla realmente.


Un libro per chi ama i libri. Tanti sono i libri citati, Ottavio Tondi che non può più leggere, scrive in un taccuino le Memorie delle cose lette prima di dire m’addormento.


I libri citati:

    ·        Le ragazze dell’Eur di Paolo del Colle;
    ·        La vita al tempo di pace di Francesco Pecoraro;
    ·        I prossimi Titani: conversazioni con Ernst Junger e il dio degli acidi: conversazioni con Albert Hofmann di Antonio Gnoli e Paolo Volpi;
    ·        Acque chete di Mario Esquilino ( ma che in realtà è Pincio);
    ·        Azzurra tenebra di Giovanni Arpino;
    ·        Una solitudine troppa rumorosa di Bohumil Hrabal;
    ·        Jane Eyre di Charlotte Bronte;
    ·        Le vite parallele di Plutarco;
    ·        Il diario di una giovinetta di Anonima viennese;
    ·        La donna d’altri di Gay Talese;
    ·        Nel bosco di Thomas Hardy;
    ·        Il testamento francese di Andrei Makine;
    ·        Processo a Cinecittà di Antonella De Frate;
    ·        Il postino di Neruda di Antonio Skarmeta;
    ·        L’anno della vittoria di Mario Rigoni Stern;
    ·        Bruges la Morta di Georges Rodenbach;

Un libro sul sottile filo tra realtà e finzione. Nel libro alcuni personaggi sono persone reali e per ragioni di affetto e stima Pincio ne usa l’identità.

Essi sono:

    ·        Teresa Ciabatti;
    ·        Andrea Cortellessa;
    ·        Paolo Del Colle;
    ·        Giuseppe Genna;
    ·        Antonio Gnoli
    ·        Francesco Pecoraro.


Panorama di Tommaso Pincio

Editore: NNeditore

Anno di pubblicazione: 2015

Pagine: 200


Commenti

Post popolari in questo blog

Le otto montagne di Paolo Cognetti

È una storia di formazione, di padri, di figli e di amicizia. Al centro della storia la montagna, più che un luogo un altro personaggio, il principale, un simbolo.
Pietro vive a Milano è un ragazzino introverso, la mamma lavora in un consultorio e il papà è un chimico. Appena possono e soprattutto in estate si trasferiscono in montagna, a Grana un paese ai piedi del monte Rosa. I genitori si sono conosciuti in montagna, innamorati e sposati, Pietro in montagna ha conosciuto Bruno, il suo unico amico. Bruno ci vive in montagna, porta al pascolo le mucche, lavora il formaggio con i cugini e gioca con Pietro tra i ruderi e il torrente. In quegli anni Pietro inizia a camminare con il padre alla scoperta delle cime e di se stesso e in quelle montagne dopo la morte del padre lì lo riscoprirà.Cognetti è proprio bravo, usa la lingua senza fronzoli, le parole sono quelle giuste, concrete. Le otto montagne è un caso editoriale, venduto circa in 30 paesi in occasione della Fiera di Francoforte, …

Una sera di luglio di Carlo Scalfaro

Una sera di luglio del 1961, Carlo Scalfaro salii su un treno, aveva quindici anni. Il treno era diretto a Torino dove si sarebbe svolta la manifestazione nazionale della federazione giovanile comunista e la mostra “Italia 61” organizzata per la celebrazione dei primi cento anni dell’Unità d’Italia. Questo libro è il racconto del percorso personale, politico di quel ragazzo, di quella generazione a partire da quella sera del 1961. Un racconto di parte, di un comunista che ancora in larga misura analizza la realtà attraverso il metodo marxista, senza ritenersi sconfitto ma sapendo che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta. Carlo Scalfaro è stato un dirigente del Partito comunista catanzarese e poi un dirigente sindacale della Cgil. Attraverso i suoi ricordi questo libro restituisce a chi c’era la memoria di quegli anni, a chi non c’era fornisce elementi di conoscenza su un periodo molto vivace della storia calabrese e italiana, dall’omicidio di Gigino Silipo…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…