Passa ai contenuti principali

Il caso Piegari. Attualità di una vecchia sconfitta di Ermanno Rea





Piegari medico e umanista, appassionato cultore del sapere storico in particolare del Risorgimento italiano, è il leader del Gruppo Gramsci, attivo dalla fine degli anni ’40 e il 1954, un polo culturale di prima grandezza seguito oltre che da iscritti e simpatizzanti del PCI anche da chi subisce il fascino di un collettivo che ha portato in luce la più alta cultura e la ricerca storica.

Piegari e il Gruppo contestano la linea «meridionalista» del PCI sostenuta da Amendola e dal quadro dirigente napoletano (Cacciapuoti, Napolitano, Chiaromonte …).

 Piegari e il suo Gruppo fedeli alla lezione di Gramsci che polemizza con l’impostazione salveminiana, sono convinti che la Questione Meridionale è questione nazionale che si può risolvere attraverso l’unione degli operai del nord con i contadini del sud. Diceva, il Piegari, che in Gramsci vi era una buona dose di diffidenza verso le forze locali, portate di fatto a forme di rivendicazionismo economicistico.

Piegari e il suo Gruppo avevano intravisto il pericolo di una connivenza, di trasformismi, di una piccola politica fatta di accordi trasversali, compromessi che avrebbero affossato definitivamente il sud. 

La storia e l’attualità sono davanti ai nostri occhi. La Questione Meridionale per tanto tempo fonte di dibattito politico è sparita da ogni discussione non solo politica. 

Piegari, Marotta che avevano paventato l'errore di una linea politica localistica, rivendicazionista come quella postulata da Amendola, senza avere la possibilità di dibattito, nel chiuso delle stanze, tra pochi abilitati a prendere decisioni, furono cacciati dal PCI. L’espulsione provocò un trauma in Piegari; non riuscì a venirne più fuori e nel 2007 morì.

Marotta proseguì idealmente e sostanzialmente l’opera che, tra l’altro, si voleva perseguire con il Gruppo Gramsci, un polo culturale; appassionato biblofilo, Marotta accumulò migliaia di libri che fin quando fu possibile trovarono collocazione nei due piani superiori alla sua abitazione, da questa biblioteca nel 1975 nacque l’Istituto italiano per gli studi filosofici. Marotta, sollecitato da Elena Croce e dal presidente dell’Accademia dei Lincei, Enrico Cerulli ne divenne presidente. 

Per anni fu il solo finanziatore dell’Istituto fin quando nel 1993 il Presidente del Consiglio Carlo Azeglio Ciampi consentì un finanziamento cospicuo che permise di dare lustro al nome di Napoli in tutto il mondo. La nascita di scuole in tutto il Mezzogiorno diede la possibilità a tutta l'Italia di ricevere sommo rispetto in tutto il mondo. 

Nel 2009, l’allora Ministro del Tesoro Giulio Tremonti decreta la fine dei finanziamenti, con la cultura non si mangia, disse, e l’Istituto cominciò il suo declino. 

Oggi l’Istituto che vanta trecentomila opere, che secondo l’UNESCO non ha paragoni nel mondo rischia di chiudere. I preziosi libri sono ammassati in un ex capannone industriale di Casoria, per opera della miopia e dell'inerzia ostinata di alcuni dirigenti amministrativi.

Qualunque altro popolo, scrive Rea, andrebbe fiero, dell’eredità del Gruppo Gramsci, e la biblioteca e l’Istituto italiano per gli studi filosofici sarebbero un motivo di vanto per qualsiasi popolo. Non così per l’Italia. 

La Questione Meridionale è sparita dal tavolo politico lasciando dietro di sé macerie. Il disastro di quella politica amendoliana sfociato nel 1970 nel regionalismo ha ancor di più amplificato con il tempo quell’errata impostazione conferendo un respiro localistico alla Questione, ridimensionandola e lasciandola in mano ai capi bastone locale che ne hanno fatto la propria fortuna politica; i continui scandali che le cronache riportano sono sotto i nostri occhi così come i problemi irrisolti.  



Editore: Feltrinelli


Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 135


Commenti

Post popolari in questo blog

La compagnia delle anime finte di Wanda Marasco

Dopo il meraviglioso Il genio dell’abbandono, Wanda Marasco torna a raccontare Napoli. Città dei paradossi, palcoscenico ideale per i personaggi che vengon fuori dalla penna della scrittrice. 
La voce narrante è di Rosa, seduta accanto al letto della madre morta, le parla, rievoca l’infanzia di Vincenzina, l’incontro con Rafele, suo padre, l’ostilità dei Maiorana, il prestito a usura prima subìto per pagare le cure di Rafele e poi praticato da Vincenzina, l’amica Annarella che vive con la madre pazza, il maestro Nunziata, e Mariomaria «la creatura che ha dentro di sé una preghiera rovesciata»; tutte “anime finte” che hanno un guasto.
La Marasco racconta nei suoi romanzi gli umiliati e gli offesi, la sua scrittura coglie le interiorità umane, le parole sono uno scandaglio che scendono negli abissi dell’animo di chi legge, lo scrutano, lo interrogano. Chi legge rimarrà incantato dalla scrittura poetica, evocativa, teatrale della Marasco.

Il libro, tra i dodici finalisti al premio Strega,

Nel guscio di Ian McEwan

Un romanzo irreale. L’io narrante è un non nato.
Un feto a testa in giù nel guscio materno assiste alle trame omicide della madre e del suo amante, lo zio Claude, un ricco immobiliarista. Dalla sua posizione non può vedere ma ascolta il piano per uccidere il padre, poeta sconosciuto e innamorato della moglie, assiste impotente al crimine. 
Nel guscio è una riproposizione di Amleto a partire dall'epigrafe “Oddio, potrei anche essere confinato in un guscio di noce e sentirmi il re di uno spazio infinito – se non fosse la compagnia di brutti sogni.”, una tragedia la cui narrazione non si snoda tra le mura del castello di Elsinore ma nella posizione privilegiata del ventre materno. 
Il piccolo ascolta dunque, ma non solo le voci anche gli stati corporei della madre, il battito cardiaco, avverte la pressione sanguigna e interpreta la madre da ciò che dice, dal suo agire e dal suo intimo. Ha il tempo per porsi delle domande, un fluire di dubbi, fino al supremo dubbio amletico essere o non…

Purity di Jonathan Franzen

Il libro è suddiviso in sette capitoli, interessante è il parallelo tra il regime socialista e quello digitale, tra i dossier della Stasi e quello della rete che mi ha fatto pensare all’ultimo libro di Renato Curcio, L'egemonia digitale e in particolare al passo in cui Curcio dice: “Nel Grande imprigionamento digitale – a differenza dei totalitarismi che hanno afflitto il secolo passato – sono i nostri “dati” e i nostri “profili” che vengono rastrellati, deportati e internati mentre i nostri corpi vengono lasciati “liberi” di imbrigliarsi ulteriormente nella Rete affinché possano contribuire incessantemente a produrre gratuitamente ulteriori aggiornamenti.
I personaggi sono complessi, ci sono intrecci erotici e soprattutto cerebrali, ognuno dei personaggi cerca di fare i conti con il passato, alcuni lo vorrebbero eliminare, altri metterlo in luce, tutti sono divorati dal senso di colpa e tutti hanno dei segreti e i segreti cosa sono se non il segno distintivo, la cifra identitaria…