Passa ai contenuti principali

Il caso Piegari. Attualità di una vecchia sconfitta di Ermanno Rea





Piegari medico e umanista, appassionato cultore del sapere storico in particolare del Risorgimento italiano, è il leader del Gruppo Gramsci, attivo dalla fine degli anni ’40 e il 1954, un polo culturale di prima grandezza seguito oltre che da iscritti e simpatizzanti del PCI anche da chi subisce il fascino di un collettivo che ha portato in luce la più alta cultura e la ricerca storica.

Piegari e il Gruppo contestano la linea «meridionalista» del PCI sostenuta da Amendola e dal quadro dirigente napoletano (Cacciapuoti, Napolitano, Chiaromonte …).

 Piegari e il suo Gruppo fedeli alla lezione di Gramsci che polemizza con l’impostazione salveminiana, sono convinti che la Questione Meridionale è questione nazionale che si può risolvere attraverso l’unione degli operai del nord con i contadini del sud. Diceva, il Piegari, che in Gramsci vi era una buona dose di diffidenza verso le forze locali, portate di fatto a forme di rivendicazionismo economicistico.

Piegari e il suo Gruppo avevano intravisto il pericolo di una connivenza, di trasformismi, di una piccola politica fatta di accordi trasversali, compromessi che avrebbero affossato definitivamente il sud. 

La storia e l’attualità sono davanti ai nostri occhi. La Questione Meridionale per tanto tempo fonte di dibattito politico è sparita da ogni discussione non solo politica. 

Piegari, Marotta che avevano paventato l'errore di una linea politica localistica, rivendicazionista come quella postulata da Amendola, senza avere la possibilità di dibattito, nel chiuso delle stanze, tra pochi abilitati a prendere decisioni, furono cacciati dal PCI. L’espulsione provocò un trauma in Piegari; non riuscì a venirne più fuori e nel 2007 morì.

Marotta proseguì idealmente e sostanzialmente l’opera che, tra l’altro, si voleva perseguire con il Gruppo Gramsci, un polo culturale; appassionato biblofilo, Marotta accumulò migliaia di libri che fin quando fu possibile trovarono collocazione nei due piani superiori alla sua abitazione, da questa biblioteca nel 1975 nacque l’Istituto italiano per gli studi filosofici. Marotta, sollecitato da Elena Croce e dal presidente dell’Accademia dei Lincei, Enrico Cerulli ne divenne presidente. 

Per anni fu il solo finanziatore dell’Istituto fin quando nel 1993 il Presidente del Consiglio Carlo Azeglio Ciampi consentì un finanziamento cospicuo che permise di dare lustro al nome di Napoli in tutto il mondo. La nascita di scuole in tutto il Mezzogiorno diede la possibilità a tutta l'Italia di ricevere sommo rispetto in tutto il mondo. 

Nel 2009, l’allora Ministro del Tesoro Giulio Tremonti decreta la fine dei finanziamenti, con la cultura non si mangia, disse, e l’Istituto cominciò il suo declino. 

Oggi l’Istituto che vanta trecentomila opere, che secondo l’UNESCO non ha paragoni nel mondo rischia di chiudere. I preziosi libri sono ammassati in un ex capannone industriale di Casoria, per opera della miopia e dell'inerzia ostinata di alcuni dirigenti amministrativi.

Qualunque altro popolo, scrive Rea, andrebbe fiero, dell’eredità del Gruppo Gramsci, e la biblioteca e l’Istituto italiano per gli studi filosofici sarebbero un motivo di vanto per qualsiasi popolo. Non così per l’Italia. 

La Questione Meridionale è sparita dal tavolo politico lasciando dietro di sé macerie. Il disastro di quella politica amendoliana sfociato nel 1970 nel regionalismo ha ancor di più amplificato con il tempo quell’errata impostazione conferendo un respiro localistico alla Questione, ridimensionandola e lasciandola in mano ai capi bastone locale che ne hanno fatto la propria fortuna politica; i continui scandali che le cronache riportano sono sotto i nostri occhi così come i problemi irrisolti.  



Editore: Feltrinelli


Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 135


Commenti

Post popolari in questo blog

Le otto montagne di Paolo Cognetti

È una storia di formazione, di padri, di figli e di amicizia. Al centro della storia la montagna, più che un luogo un altro personaggio, il principale, un simbolo.
Pietro vive a Milano è un ragazzino introverso, la mamma lavora in un consultorio e il papà è un chimico. Appena possono e soprattutto in estate si trasferiscono in montagna, a Grana un paese ai piedi del monte Rosa. I genitori si sono conosciuti in montagna, innamorati e sposati, Pietro in montagna ha conosciuto Bruno, il suo unico amico. Bruno ci vive in montagna, porta al pascolo le mucche, lavora il formaggio con i cugini e gioca con Pietro tra i ruderi e il torrente. In quegli anni Pietro inizia a camminare con il padre alla scoperta delle cime e di se stesso e in quelle montagne dopo la morte del padre lì lo riscoprirà.Cognetti è proprio bravo, usa la lingua senza fronzoli, le parole sono quelle giuste, concrete. Le otto montagne è un caso editoriale, venduto circa in 30 paesi in occasione della Fiera di Francoforte, …

Una sera di luglio di Carlo Scalfaro

Una sera di luglio del 1961, Carlo Scalfaro salii su un treno, aveva quindici anni. Il treno era diretto a Torino dove si sarebbe svolta la manifestazione nazionale della federazione giovanile comunista e la mostra “Italia 61” organizzata per la celebrazione dei primi cento anni dell’Unità d’Italia. Questo libro è il racconto del percorso personale, politico di quel ragazzo, di quella generazione a partire da quella sera del 1961. Un racconto di parte, di un comunista che ancora in larga misura analizza la realtà attraverso il metodo marxista, senza ritenersi sconfitto ma sapendo che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta. Carlo Scalfaro è stato un dirigente del Partito comunista catanzarese e poi un dirigente sindacale della Cgil. Attraverso i suoi ricordi questo libro restituisce a chi c’era la memoria di quegli anni, a chi non c’era fornisce elementi di conoscenza su un periodo molto vivace della storia calabrese e italiana, dall’omicidio di Gigino Silipo…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…