Passa ai contenuti principali

Le quattro giornate di Catanzaro di Alessandro De Virgilio





Il capoluogo della Regione Calabria, Catanzaro, è stato conteso fin dagli anni 50 con mobilitazioni di massa, iniziate il 25 gennaio e proseguite per quattro giorni, che portarono alla paralisi della città. In quei giorni si avvicendarono manifestazioni imponenti, tutti i ceti sociali scesero per strada per difendere la decisione del comitato parlamentare che indicava Catanzaro come sede degli uffici regionali, ma dopo diverse e accese manifestazioni dei reggini la commissione Affari Istituzionali della Camera dei Deputati aveva accantonato la relazione del comitato. Il 26 gennaio i dimostranti si scontrarono con la polizia, rimasero ferite 14 persone. Il progetto regionalista venne meno e attuato solo negli anni Settanta. 

De Virgilio, attraverso documenti autentici dell’epoca e testimonianze preziose,  ci racconta in questo libro quelle giornate con una scrittura asciutta, scorrevole e comprensibile, da bravo ed esperto giornalista (responsabile della redazione Agi della Calabria) sembra, leggendo il libro, di vederlo cronista per le strade a raccontare i fatti. 

La lotta strenua per avere il capoluogo “ è stata la posta in palio in una contesa fra città per un primato. Non ha unificato i calabresi ma li ha divisi.”.
Il capoluogo è rimasto un simbolo, un contenitore vuoto che a ogni tornata elettorale viene riempito di promesse e libri di sogni ormai di sapore stantìo. E il popolo, che ha ereditato il risultato di quelle proteste, il più delle volte ha finito col rendersi indifferente alla politica della Regione o collusa con un sistema che ha al centro interessi personali perseguibili attraverso incarichi pubblici.

A Catanzaro, scrive De Virgilio, spetta il ruolo di «città cerniera» tra il sistema urbano cosentino e l’area dello Stretto. Ma da parecchi anni chi ha manovrato le sorti della città ha concentrato le proprie energie per autoalimentare il potere.

Uno sguardo miope è stato quello della classe dirigente catanzarese che ha compromesso lo sviluppo di questa terra (pubblica) tranne che di quella di interesse personale. E i dibattiti politici invece di contenere idee per attuare quel ruolo «cerniera» sono risultati spesso solo una querelle locale per la difesa di un potere di scambio clientelare venduto come amore per la città.

La Calabria e Catanzaro che ne è il capoluogo rimangono ormai da molto tempo sempre in fondo ad ogni classifica di benessere, ogni indicatore economico ha il segno meno davanti. E anche la presunta serenità e libertà da episodi di criminalità - che alcuni annunciavano - davanti a fatti eclatanti dell’ultimo anno, è venuta meno.

Tutto è da costruire. 

Conoscere il passato, anche attraverso questo ottimo lavoro di De Virgilio, è utile per comprendere la verità e il determinarsi delle scelte spetta a ognuno di noi cittadini catanzaresi, popolo calabrese, evitando di abbandonare nelle mani di altri i nostri diritti.



Editore: Rubbettino
   
Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 126


Commenti

  1. Ringrazio l'autore della bella recensione per l'attenzione riservata al mio lavoro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le otto montagne di Paolo Cognetti

È una storia di formazione, di padri, di figli e di amicizia. Al centro della storia la montagna, più che un luogo un altro personaggio, il principale, un simbolo.
Pietro vive a Milano è un ragazzino introverso, la mamma lavora in un consultorio e il papà è un chimico. Appena possono e soprattutto in estate si trasferiscono in montagna, a Grana un paese ai piedi del monte Rosa. I genitori si sono conosciuti in montagna, innamorati e sposati, Pietro in montagna ha conosciuto Bruno, il suo unico amico. Bruno ci vive in montagna, porta al pascolo le mucche, lavora il formaggio con i cugini e gioca con Pietro tra i ruderi e il torrente. In quegli anni Pietro inizia a camminare con il padre alla scoperta delle cime e di se stesso e in quelle montagne dopo la morte del padre lì lo riscoprirà.Cognetti è proprio bravo, usa la lingua senza fronzoli, le parole sono quelle giuste, concrete. Le otto montagne è un caso editoriale, venduto circa in 30 paesi in occasione della Fiera di Francoforte, …

Una sera di luglio di Carlo Scalfaro

Una sera di luglio del 1961, Carlo Scalfaro salii su un treno, aveva quindici anni. Il treno era diretto a Torino dove si sarebbe svolta la manifestazione nazionale della federazione giovanile comunista e la mostra “Italia 61” organizzata per la celebrazione dei primi cento anni dell’Unità d’Italia. Questo libro è il racconto del percorso personale, politico di quel ragazzo, di quella generazione a partire da quella sera del 1961. Un racconto di parte, di un comunista che ancora in larga misura analizza la realtà attraverso il metodo marxista, senza ritenersi sconfitto ma sapendo che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta. Carlo Scalfaro è stato un dirigente del Partito comunista catanzarese e poi un dirigente sindacale della Cgil. Attraverso i suoi ricordi questo libro restituisce a chi c’era la memoria di quegli anni, a chi non c’era fornisce elementi di conoscenza su un periodo molto vivace della storia calabrese e italiana, dall’omicidio di Gigino Silipo…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…