Passa ai contenuti principali

La sposa di Mauro Covacich





Diciasette racconti, alcune storie vere da sembrare finte e alcune storie finte da sembrare vere. Personaggi protagonisti in una storia diventano comparse nelle altre. Elementi di cronaca quotidiana o la sua biografia o semplici pensieri, che Covacich mescola rappresentando l’opera umana. 

La sposa, il primo racconto che dà il titolo al libro, è Pippa Bacca: era un’artista triestina e nel 2008 decise di fare un lungo viaggio in autostop vestita con l’abito nuziale, quella fu l’ultima performance, l'uomo che le diede un passaggio la violentò e la uccise. 
Un continuo passare dalla realtà, il processo di Cogne, la morte di un cantante dimenticato di Sanremo (Alessio Bono), alla finzione, l'uomo che sussurrava ai lupi e quello che partecipa ad inquietanti safari umani. 

Il male è dentro ognuno di noi ma «ogni volta che facciamo qualcosa con cura distruggiamo il male che è in noi». 
Un mondo che ha perso l’essenza delle cose per abbandonarsi in una continua performance. Genitori che esibiscono i figli come trofei, e «soggetti sterili, dotati di apparati riproduttivi fertili» che per la paura di invecchiare finiscono con il rinunciare a divenire genitori, ma mentre per gli “sterili” prima o poi arriverà una botta chiarificatrice, i genitori penseranno che in fondo, loro, almeno qualcosa di buono hanno combinato, invece non è vero.  Spacciano come gesto di generosità verso il prossimo un impulso cripto-narcisistico. 

Covacich non ci gira intorno alle cose, il politicamente corretto non regna in questo libro e le parole che scrive sono un pugno nello stomaco, servono a farci vomitare l’ipocrisia e magari solo per un attimo, quello che basta per voltar pagina al libro, vederci per quello che siamo.


La sposa di Mauro Covacich


Editore: Bompiani
 
Collana: Narratori italiani
   
Anno di pubblicazione: 2014

Pagine:185


Commenti

Post popolari in questo blog

La misura eroica di Andrea Marcolongo

Dopo il gran successo del primo libro, La lingua geniale, nel quale Marcolongo ci ha raccontato perché amare il Greco antico, la scrittrice che non voleva più scrivere di antico, di greco, si è presa del tempo per intraprendere un viaggio interiore, alla fine ha scoperto che avrebbe perso parte di sé se avesse abbandonato l’antico.

In questo libro non parla di lingua greca ma utilizza il mondo antico, Le Argonautiche di Apollonio Rodio, l’archetipo dei romanzi di formazione, il racconto della prima nave che solca i mari non per fare la guerra ma per intraprendere un’impresa impossibile; conoscere se stessi, incontrare l’amore, e intreccia il viaggio di Giasone e dei suoi compagni con il suo viaggio personale. Tre piani narrativi, il mito greco più antico, il viaggio e l’autobiografia.
C’è nel libro una cura delle parole che raramente ho riscontrato in altri libri, “Quando non capisco qualcosa della vita io risalgo all’etimologia della Parola per capire e dare un senso.”, dice l’autrice.…

Notturno cileno di Roberto Bolaño

Non potete non leggere, se non lo avete già fatto,Notturno cileno, l'ultimo grande romanzo diRoberto Bolañoche in Spagna venne pubblicato nel 2000 quando era ancora vivo (è morto nel 2003), e ripubblicato da Adelphi quest’anno e tradotto da Ilide Carmignani. Un prete cileno, Sebastián Urrutia Lacroix, in una notte di agonia e delirio ripercorre la sua vita.  Poeta, critico letterario e appartenente all’Opus Dei, ha dovuto accettare gli incarichi più strani, come dare lezioni di marxismo a Pinochet e ai membri della sua giunta, come prender parte a serate letterarie in una villa alla periferia di Santiago, dove venivano torturati gli oppositori politici al regime. Una storia di poco più di cento pagine, senza capitoli né paragrafi, un domino di parole, un flusso di coscienza. Apri il libro, leggi l’incipit: “ Ora muoio, ma ho ancora molte cose da dire. Ero in pace con me stesso. Muto e in pace. Ma all’improvviso le cose sono emerse. La colpa è di quel giovane invecchiato. Io ero in pa…

Popsophia

Metti insieme Pop e Sophia e viene fuori una manifestazione presentata oggi a Roma, dal direttore artistico Evio Hermas Ercoli, che si svolgerà dal 15 luglio al 7 agosto a Civitanova Marche.
Popsophia è il primo Festival del Contemporaneo, che cercherà di unire la cultura popolare ed il saggio, il sapiente, cercando di intrattenere con la cultura, attraverso la voce di pensatori illustri: Barbara Alberti, Umberto Galimberti, Alessandro Bergonzoni, Massimo Cacciari, Remo Bodei, Giulio Giorello, Margherita Hack, Giordano Bruno Guerri, Platinette e tanti altri che trovate qui
In un momento di profonda certezza che è la precarietà non solo economica ma anche culturale, abbiamo bisogno di punti di vista “alti” per ampliare le nostre conoscenze e guardare con rinnovato fermento magari con confusione l’orizzonte. Apriamoci al dubbio, trasformiamo il nostro tormento in una esplosione di creatività.