Passa ai contenuti principali

La ferocia di Nicola Lagioia





Il 16 aprile il comitato direttivo del Premio Strega ha selezionato i dodici libri che si disputeranno la sessantanovesima edizione. Tra quei libri c’era “La ferocia” di Nicola Lagioia. Non avevo letto ancora nulla di Lagioia ma da qualche tempo era nella lista dei desideri. Ho letto La ferocia in due giorni. È accaduto, e per fortuna alcune volte capita, di stare con il libro in mano per ore, divorare le parole, e quando non potevo fare a meno di allontanarmi, la mente ritornava al libro, alle ultime parole lette, l’immaginazione proponeva possibili sviluppi della trama e una voglia di rimettere le mani e gli occhi su quelle parole.

Il suicidio di una giovane donna, Clara Salvemini, secondogenita della famiglia più influente di Bari, è il filo conduttore di questo noir. Michele, il fratellastro, il disadattato, l’inutile “idiota”, con il quale la ragazza aveva un forte legame, sarà l’unico a non credere alla verità ufficiale, afferrerà quel filo e ci condurrà fino alla fine. «A diciott’anni» Clara, scrive Lagioia «poteva somigliare a certe attrici del cinema dopo il periodo delle maggiorate. Le curve morbide ma senza eccessi, una Natalie Wood in assenza della verniciatura finale. Vittorio non afferrava cosa ci fosse tra una trasformazione e l’altra. Aveva dovuto aspettare che Clara si sposasse per capire quale fosse il suo posto nel mondo. Ma fino a quel momento aveva faticato. La ragazza passava tra le stanze della villa. Difficile sentirla strepitare o anche solo provare a litigarci. La calma fatta persona. A lui però sembrava che fosse per così dire la porzione a favore di luce, e temeva di riceverne conferma da chi, volta per volta, era davvero beneficiato dalla presenza di sua figlia. I ragazzi.».

Il romanzo è il ritratto di un’epoca, di un mondo, il nostro, in cui l’uomo, feroce animale, in possesso del libero arbitrio senza il peso della responsabilità, ha oltrepassato ogni limite metafisico, e postosi re della natura la manipola, la domina, la trasforma, la distrugge e si distrugge. Quando il mezzo diventa il fine e se il mezzo è la volontà di potenza, il fine diventa un’incondizionata potenza il cui destino è necessariamente la distruzione attraverso la ferocia. 

La ferocia di Nicola Lagioia


Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
   
Anno di pubblicazione: 2014

Pagine:411


Commenti

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…

Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti

Sesso come strumento di controllo e di potere: dossier, lettere, minacce, accuse vere e false oscenità, inganni, arresti, frodi, ricatti, utilizzati come arma politica.
Ma non è attualità, anche se ci sono diverse affinità con il presente, segno che l’Italia non cambia e che la radice marcia è ben salda.
E’ il film – documentario che questa sera alle 21:05 aprirà il nuovo ciclo “La Grande Storia”, con l’aiuto di documenti dell’Archivio di Stato, vengono raccontate truffe e speculazioni, profitti illeciti, malversazioni, scandali, carriere strepitose del Regime. E poi soldi e sesso, ma anche Segreti.
Rapporti con le logge, ed alleanza con i gran maestri, e la chicca, da poco svelata: nel 1942Mussolini ha fatto accreditare su un conto dello IOR, l’Istituto Opere Religiose, la banca del Vaticano, ben tre milioni di dollari, circa 61 milioni di euro, con l’ordine di trasferirli negli Stati Uniti.
Gli ingredienti sono ben noti, passano gli anni cambiano i commensali, ma il banchetto “Ital…