Passa ai contenuti principali

Numero zero di Umberto Eco




I romanzi di Umberto Eco hanno tutti la stessa struttura ma a ogni nuova pubblicazione c’è sempre qualcuno che urla ai quattro social che vi sia del plagio. Nei suoi libri ci sono sempre rinvii letterari e c’è sempre un gioco con il lettore: Eco nasconde tra la trama frasi, parti di componimenti del passato. 

Leggere un libro di Eco significa addentrarsi in tanti altri libri: utilizza nei suoi componimenti la tecnica del centone, cioè collage di frasi e autori diversi. 

In un suo famoso saggio, “Sei passeggiate nei boschi narrativi” sei interventi che Eco ha tenuto nel 1992-93 in occasione delle Norton Lectures ad Harvard, in cui, rivolgendosi a un vasto pubblico, affrontò una riflessione sulla narratività partendo dall’esperienza del lettore - Eco ci guida all’interno dei boschi narrativi e ci insegna come percorrerli. Il testo narrativo si rivolge: ” … a un lettore di primo livello che desidera sapere come la storia vada a finire e a un lettore di secondo livello, il quale si chiede quale tipo di lettore quel racconto gli chiedesse di diventare.”. 
Se appartenete al lettore del primo livello quello che vi sta a cuore è sapere se Domani, il giornale che il commendatore Vimercate commissiona a una piccola redazione, per far pressione ai poteri forti e poter entrare nel salotto buono della società italiana degli anni di tangentopoli, avrà il suo numero uno. Se invece appartenete al secondo livello di lettore desiderate conoscere, oltre alla trama, il lettore che diventerete, e in questo caso è utile sapere che Numero zero è chiaramente un pamphlet sul giornalismo, sul modo di costruire le notizie e sulla comunicazione in genere: “i giornali mentono, gli storici mentono, la televisione mente…”, non sono le notizie che fanno il giornale ma il giornale che fa le notizie.
In Numero zero vi è un giusto equilibrio tra cultura alta e bassa, racconto di fatti, e un gioco del se fosse… che introduce a un altro argomento, il complottismo, oggetto di diversi interventi e di alcuni libri di Eco, per esempio il pendolo di Foucault.

I personaggi, tranne Maia e il suo presunto autismo, non sono memorabili ma forse anche la costruzione dei personaggi è volutamente debole, perché il nocciolo della storia è la memoria collettiva che va alimentata salvo cadere nella paranoia del complotto o nelle maglie della propaganda di potere.



Numero zero di Umberto Eco

Editore: Bompiani
 
Anno di pubblicazione: 2015

Pagine: 218

Commenti

  1. Visto questa clip del programma della Costamagna su Agon Channel? C'è una sorpresa di Sallusti alla Santanché... http://www.agonchannel.it/video/lei-non-sa-chi-sono-io-la-santanche-e-lospite-inatteso/

    RispondiElimina
  2. Avevo visto..."la legge del mercato"

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…