Passa ai contenuti principali

Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson



Il libro non è fresco di stampa, lo so, ma i libri si leggono quando se ne ha voglia.

Seicentosettantasei pagine che si leggono d’un fiato. Non è un modo di dire. Ho avuto, negli ultimi quattro gironi, una “relazione” di odio e amore con questo libro. Assoluta serenità, quando nel letto, sotto il piumone ne divoravo le parole, e assoluta ansia, quando lontano da casa, pensavo a ciò che avevo letto e che conoscevo, e a cosa mi mancava: le risposte ai tanti indizi che Larsson dissemina nelle pagine. 

Il libro non ti lascia tregua, ti assorbe totalmente. Una saga familiare, intrecci sentimentali, segreti, lotte di potere all’interno della famiglia e tra imprenditori, dissidi giornalistici, e poi le donne. Donne molestate, abusate, violentate, costrette a prestazioni sessuali di vario genere. Da parte di estranei ma anche in famiglia. Nella Svezia che tutti tendiamo a idealizzare, come luogo della democrazia e di condizioni paritarie per uomini e donne. Due donne hanno un ruolo importante nella trama; sono una specchio dell’altra.

Harriet Vanger è scomparsa diciassette anni prima dell’inizio della vicenda; il fratello di suo nonno, Henryk Vanger, non è mai riuscito a rassegnarsi. Lei aveva sedici anni all’epoca della scomparsa, Henryk Vanger ne ha ora 86 e continua a ricevere, ad ogni compleanno, un quadro con un fiore essiccato, lo stesso regalo che gli faceva Harriet.

È l’assassino che lo tormenta? 




L’altra donna, è Lisbeth Salander, una venticinquenne con svariati piercing sul viso e il corpo coperto da tatuaggi, un passato di cui non sappiamo quasi nulla, tranne che è stata messa sotto tutela, un presente che ci dice molto su che cosa abbia imparato Lisbeth Salander dalla vita. 

La trama della ricerca di Harriet si intreccia con un’altra che ha implicazioni economiche, sociali e politiche più ampie. Entrambe hanno lo stesso protagonista, il giornalista economista Mikael Blomkvist, redattore capo della rivista Millennium, specializzata in reportage di denuncia sugli affari loschi del mondo imprenditoriale. È lui che riceve l’incarico da Henryk Vanger di riesaminare gli incartamenti che riguardano Harriet, scrivendo nel contempo la storia della sua famiglia. Che ha più di uno scheletro negli armadi, un intero cimitero - come dice Mikael.

Il libro è uscito dopo la morte prematura di Stieg Larsson, stroncato da un infarto, e ha avuto un successo internazionale. Il libro è il primo della trilogia Millenium.


Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson 
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno di pubblicazione: 2007
Pagine: 676




Commenti

Post popolari in questo blog

Non tutti i bastardi sono di Vienna

Ti ho preso bastardo!”, dice don Lorenzo, uno dei personaggi del romanzo a pagina 287, svelando il perché del titolo. 
La storia è ispirata ad alcuni fatti realmente accaduti, narrati nel Diario dell’invasione di Maria Spada  prozia dell’autore Andrea Molesini, al suo primo romanzo, edito da Sellerio, vincitore del XLIX Premio Campiello.
Tra il 9 novembre 1917 e il 30 ottobre 1918 la famiglia Spada, verso la fine della Prima Guerra Mondiale, dopo la battaglia di Caporetto, diventa prigioniera in casa propria degli austriaci.
Narrata in prima persona da Paolo Spada un diciassettenne orfano che nell’ultimo anno della Grande Guerra conosce l’amore e la morte, mentre l’Italia sconfitta prepara la riscossa, la storia è arricchita da altri personaggi: nonno Guglielmo, cinico e dispensatore di sentenze,nonna Nancy, “a dispetto dei suoi settant’anni” una donna colta e ardita, “fra noi e questa gente voglio un fossato fatto di labbra serrate e di sguardi scortesi” dice alla famiglia chiamata a r…

L'egemonia digitale di Renato Curcio

Questo libro ci restituisce le narrazioni d’esperienza di chi ha partecipato a un cantiere socianalitico che si è interessato alle modalità con cui l’impero virtuale cerca di costruire una capacità egemonica sul mondo del lavoro.
I lavoratori di diversi settori, sanitario, istruzione, giuridico, servizi, trasporti ecc.. hanno raccontato la loro esperienza di lavoro; il radicale cambiamento del lavoro ma più profondamente il proprio rapporto con gli strumenti digitali che mediano l’attività lavorativa.
Il libro ci invita a riflettere su questo processo in atto da tempo, l’impatto delle nuove tecnologie sul mondo del lavoro e il disorientamento dei lavoratori. “Io sono l’Automa”, così si è presentato a una visita medica obbligatoria, un lavoratore Acea di Roma. “ In che senso, scusi?” gli ha chiesto la dottoressa. E lui, con un tono angosciato: ”Nel senso che ormai non sono più una persona, il tablet personale mi comanda come un robot; nel senso che mi sento un automa, gli presto le mani…

Kindle da oggi anche in Italia

Il vostro mal di schiena è peggiorato da quando leggete gli ebook sul vostro pc? Be' forse c'è un rimedio. E' disponibile da qualche ora sul sito Amazon Italia il Kindle Basic:  schermo da 6 pollici ad inchiostro elettronico E Ink;alto 16,6 cm largo 11,4 cm con uno spessore di 0,87 cm.pesa solo 170 grammi;contiene fino a 1.400 libri
Certo sul mercato c'erano altri ebook reader  ma ho l'impressione che la facilità di utilizzo e sopratutto il prezzo contenuto di questo siano elementi che stuzzicano all'acquisto.
Il prezzo? 99,00 euro.
Se vuoi acquistarlo qui
Se vuoi scegliere gli ebook in italiano qui