Passa ai contenuti principali

Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafon



Pubblicato nella sua edizione originale nel 1993 è il primo libro di Carlo Ruiz Zafon, la prima edizione italiana è del 2002, è invece di quest’anno l’edizione Mondadori tradotta da Bruno Arpaia.

E’ un libro per “bambini compresi tra i 9 e i 90 anni” come dice l’autore.

E' ambientato nel 1943, anno in cui la famiglia Carver per sfuggire alla violenza della guerra decide di trasferirsi in una piccola località di mare nella casa che era appartenuta ai signori Fleishmann

Jacob Fleishmann, l’unico figlio, era morto annegato anni addietro.

Dietro la casa c’è un giardino abbandonato, immerso nella nebbia. Un giardino di statue, personaggi del circo disposti a formare una stella a sei punte, al centro un’altra statua, un pagliaccio. E' un posto inquietante.

Sorvegliava la costa del piccolo paese da 25 anni il guardiano del faro Victor Kray, nonno di Roland che divenne amico dei figli più grandi dei Carver, Max e Alicia, per i due ragazzi quella estate segnerà la fine dell’adolescenza, e l’inizio dell’età adulta.

Amicizia, dovere, responsabilità sono alcuni valori che conosceranno per la prima volta, Alicia, verrà travolta anche dal sentimento umano più forte: l’amore.

La scrittura è scorrevole, gli occhi rimbalzano velocemente da una parola all'altra, per la brama di sapere come va a finire; la trama è avvincente.

E’ il primo romanzo che leggo di quest’autore, mi piace e, come accade sempre, mi aspetteranno mesi in compagnia di tutti i suoi libri.

Commenti

  1. E' il prossimo libro che leggerò e, dopo aver visto il tuo post, non vedo l'ora di iniziarlo!!! :) io ho letto tutti i suoi libri (ad eccezione de "il gioco dell'angelo" ..purtroppo mi hanno detto che non è stato molto bello, quindi ormai ho i pregiudizi! maledizione..) Credo sia uno dei miei autori preferiti e il libro che ritengo meglio riuscito è L'ombra del vento! Misterioso e coinvolgente tanto da trascinarti nella storia, quasi come se fossi tu il protagonista!
    Buona lettura insomma!

    Rebby. :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Rebby, "L'ombra del vento" è il prossimo che leggerò. Ho letto tante recensioni e la tua ora, che mi conferma che sarà una lettura interessante.

    Grazie per la visita e il commento.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Smith & Wesson di Baricco

Baricco ci sa fare con le parole, non lo scopro certo io. Sa scrivere, sa costruire storie e creare prodotti di narrativa. La narrativa è anche un prodotto, nella forma di libro lo è. Questo, Smith & Wesson, è mediocre. 
Per chi come me ha tanti libri di Baricco nella propria libreria e li ha pure letti ed apprezzati, non si può accontentare di una sceneggiatura come questa, banale sin dal titolo.  Ci sono alcuni passaggi alla Baricco, certo, e ci mancherebbe, ma manca del tutto quella magia, che quando affronti i suoi testi ti prende: leggi, ti fermi un attimo, e poi rileggi, ti fermi, vai avanti così per tutto il libro e quando hai finito di leggerlo ti dispiace e lo riapri, il libro, alla ricerca di quel passo che più ti è piaciuto e poi quell’altro e l’altro ancora, e cerchi di impararli a memoria, li appunti su un pezzo di carta che riponi accanto al letto sul comodino e prima di andare a dormire, ogni tanto li rileggi.
Baricco è un sacerdote laico della parola. In questo libro…

L'egemonia digitale di Renato Curcio

Questo libro ci restituisce le narrazioni d’esperienza di chi ha partecipato a un cantiere socianalitico che si è interessato alle modalità con cui l’impero virtuale cerca di costruire una capacità egemonica sul mondo del lavoro.
I lavoratori di diversi settori, sanitario, istruzione, giuridico, servizi, trasporti ecc.. hanno raccontato la loro esperienza di lavoro; il radicale cambiamento del lavoro ma più profondamente il proprio rapporto con gli strumenti digitali che mediano l’attività lavorativa.
Il libro ci invita a riflettere su questo processo in atto da tempo, l’impatto delle nuove tecnologie sul mondo del lavoro e il disorientamento dei lavoratori. “Io sono l’Automa”, così si è presentato a una visita medica obbligatoria, un lavoratore Acea di Roma. “ In che senso, scusi?” gli ha chiesto la dottoressa. E lui, con un tono angosciato: ”Nel senso che ormai non sono più una persona, il tablet personale mi comanda come un robot; nel senso che mi sento un automa, gli presto le mani…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…