Passa ai contenuti principali

Manal Al Sharif: Women2drive



In Arabia Saudita alle donne non è permesso guidare, non possono avere la patente, anche  Manal che ha superato gli esami di guida in un altro paese è vietato guidare, tanto che il 21 maggio ha trasgredito la legge ed è stata arrestata.

Manal Al Sherif,  attraverso un video su youtube ed una pagina su facebook ha incoraggiato altre ragazze a seguirne l’esempio. Oggi è il giorno della manifestazione  in cui ogni donna è invitata a guidare: un gesto simbolico che ci fa ritornare al 1955.

In quell’anno Rosa Parks,  famosa attivista afroamericana, si rifiutò di  cedere il posto a sedere sull’autobus ad un bianco, e divenne, la figura simbolo dei movimenti civili statunitensi; la strada per il pieno riconoscimento degli uguali diritti degli uomini senza distinzione di razza  è stato lungo e l’elezione a presidente degli Stati Uniti, di Obama è stato il punto più alto di quella battaglia.

La libertà non è per sempre e in tutti luoghi, c’è e ci sarà sempre qualcuno che cercherà di prevalere su qualcun altro; un paese, un gruppo, una persona. Non  possiamo rimanere indifferenti quando ci rendiamo conto che qualcuno sta subendo un sopruso, pensando che è troppo lontano e non ci riguarda, domani potrebbero violare i nostri diritti la nostra libertà, per cui anche solo per mantenere allenato il senso critico, è importante parlarne ed agire, ognuno come meglio crede.

Nel momento in cui, qualsiasi evento accade, lasciamo che tutto e tutti possano ferirci, abbiamo smesso di vivere annullando la nostra persona e dignità umana, consegnando il nostro essere a qualcun altro che ne dispone come meglio crede.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…

Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti

Sesso come strumento di controllo e di potere: dossier, lettere, minacce, accuse vere e false oscenità, inganni, arresti, frodi, ricatti, utilizzati come arma politica.
Ma non è attualità, anche se ci sono diverse affinità con il presente, segno che l’Italia non cambia e che la radice marcia è ben salda.
E’ il film – documentario che questa sera alle 21:05 aprirà il nuovo ciclo “La Grande Storia”, con l’aiuto di documenti dell’Archivio di Stato, vengono raccontate truffe e speculazioni, profitti illeciti, malversazioni, scandali, carriere strepitose del Regime. E poi soldi e sesso, ma anche Segreti.
Rapporti con le logge, ed alleanza con i gran maestri, e la chicca, da poco svelata: nel 1942Mussolini ha fatto accreditare su un conto dello IOR, l’Istituto Opere Religiose, la banca del Vaticano, ben tre milioni di dollari, circa 61 milioni di euro, con l’ordine di trasferirli negli Stati Uniti.
Gli ingredienti sono ben noti, passano gli anni cambiano i commensali, ma il banchetto “Ital…