Passa ai contenuti principali

La Milanesiana



Il Festival, promosso dalla Provincia di Milano, con il sostegno del Comune di Milano, in collaborazione con la Regione Lombardia e organizzato dai I Pomeriggi Musicali / Teatro dal Verme con la collaborazione della Fondazione Corriere della Sera propone 18 serate dedicate alla cultura internazionale, oltre trenta appuntamenti - con 140 ospiti, tra cui premi Nobel, Oscar, Pulitzer, Goncourt - che ruotano intorno al tema affascinante «Bugie e verità».

Il festival inventato e diretto da Elisabetta Sgarbi, editor Bompiani è  iniziato il 26 giugno proseguirà fino al 12 luglio,  ha in cartellone proiezioni, concerti, letture, mostre, ed anche l’Aperitivo con gli Autori delle ore 12 presso la Sala Buzzati, a cura della Fondazione Corriere della Sera. Qui gli ospiti delle serate precedenti affiancati da altri scrittori, giornalisti, scienziati, intellettuali, saranno chiamati a un confronto su temi centrali della vita culturale.

Questa edizione inoltre dedicherà gli ultimi 5 giorni (8-12 luglio) a una sezione del Festival interamente dedicata alla Filosofia, dal titolo "L’urlo e il silenzio" al Teatro di Verdura.

Tra gli altri protagonisti spiccano:

5 Premi Nobel: Wole Soyinka (Letteratura, 1986), Gao Xingjian (Letteratura, 2000), John Coetzee (Letteratura, 2003), Herta Müller (Letteratura, 2009), Konstantin Novoselov (Fisica, 2010)

1 Medaglia Fields: Cédric Villani, 2010

1 Premio Pulitzer: Michael Cunningham, 1999

2 Booker Prize: John Coetzee, 1983; Ben Okri, 1991

1 Premio Goncourt: Tahar Ben Jelloun, 1987

3 Premi Medicis: Ludmila Ulitskaya, 1996; Jean hatzfeld, 1997; David Vann, 2011

4 PremI Strega: Umberto Eco, 1981; Claudio Magris, 1997; Sandro Veronesi, 2006; Antonio Pennacchi, 2010

1 Premio Simone De Beauvoir: Ludmila Ulitskaya, 2011

1 Premio Principe delle Asturie: Claudio Magris, 2004

1 Premio Oscar. Giuseppe Tornatore, 1990

2 PremIi Speciali della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia: Mario Martone, 1992; Jerzy Skolimowski, 2010

5 David di Donatello: Mario Martone, 1993, 1995, 2011; Anna Bonaiuto, 1995; Giuseppe Battiston, 2000, 2004, 2011; Roberto Herlitzka, 2004; Ettore Scola, 2011

Il programma completo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…