Passa ai contenuti principali

eBook : Forum dell’Unesco; Kultur Convivio; Editech

E’ da diversi  anni che assistiamo ad un continuo vociare sul mondo dell’editoria e sui mutamenti che il progresso tecnologico, in questo settore potrebbe apportare.

Il tema dell’editoria digitale è complesso, vi ruotano attorno diversi “attori” e molti sono gli interrogativi ai quali neanche gli operatori del settore riescono ancora a dare una risposta definitiva; il digitale ormai parte della nostra vita, l’ha anche cambiata.

Da quanto tempo non spediamo o riceviamo una lettera, scritta a mano?  Quanto si è ridotto il numero di fax, ricevuti ed inviati? Quante pagine in meno stampiamo? Quante notizie leggiamo direttamente sul web, attraverso i giornali online o dai blog?

In questa settimana si concentrano tre eventi, che fanno il punto su questi temi.

A Monza, nella splendida cornice di Villa Reale, il secondo Forum mondiale dell'UNESCO, che è iniziato il 6 e si conclude oggi, affronta il tema: Il libro domani: il futuro della scrittura nell'era digitale.
I partecipanti provenienti da tutto il mondo sono: autori, editori, bibliotecari, giornalisti, ricercatori, economisti, professionisti dei media.

Oggi il focus è sulla biblioteca digitale, nei giorni precedenti l’attenzione degli esperti si è concentrata su, l’e-book, sul diritto d’autore nell’era digitale, più nove seminari dedicati a sottotematiche come Blog contro giornali, il futuro della scrittura e della lettura (tra pessimisti e ottimisti),  i cambiamenti nella catena produttiva e distributiva, copyright contro copyleft, Fair Use e Creative Commons, la conservazione della memoria digitale, la biblioteca come servizio pubblico, esperienze positive o negative nei partenariati tra pubblico e privato, i rischi della digitalizzazione.

Ha aperto la manifestazione Milagros Del Corral - già Direttrice generale della Biblioteca Nazionale di Spagna, esperta internazionale nei settori del libro e dell’edizione, delle biblioteche, delle nuove tecnologie e del diritto d’autore.
In rilievo,  l'intervento di Robert Darnton - direttore della Biblioteca Universitaria di Harvard e membro del consiglio di amministrazione della Biblioteca Pubblica di New York e dell’Oxford University Press, autore del libro, "Il futuro del libro" edito da  Adelphi.

Tra gli speaker delle sessioni plenarie, tra gli altri Santiago de la Mora - responsabile partnership per Google Book Search in Europa, Medio Oriente e Africa.

Oggi l’intervento del Romanziere cileno, sceneggiatore, ambasciatore, professore e presentatore televisivo, Antonio Skármeta,  le sue opere sono state tradotte in quasi trenta lingue nel mondo intero. Tra di esse troviamo Il postino di Neruda dal quale è stato tratto nel 1995 il film Il Postino.

Il canale YouTube del Focus 2011

In serata sempre a Milano presso il teatro Dal Verme ci sarà la serata – spettacolo “Il futuro della scrittura” , nell’ambito della serie di eventi Meet the Media Guru. Sul palco si alterneranno, contributi video che sintetizzano le tre giornate del Forum , con gli interventi dalla “blogosfera” che seguirà lo spettacolo in streaming.

Domani a partire dalle 12 a Milano Kultur Convivio,  un summit tra i principali protagonisti del settore dell’editoria online e degli internet media.

Tra gli ospiti, Pietro Boroli, presidente di De Agostini, Marco Ferrario di BookRepublic, Luca De Michelis, ceo di Marsilio Editori, Alessandro Bonino (Founder Spinoza.it / Sugaman.com), Anna Masera (Editor in Chief Lastampa.it), Claudio Giua (Director of Development and Innovation Gruppo l’Espresso).

Infine giovedì e venerdì a Milano, l’Associazione italiana editori organizza al Palazzo delle Stelline, Editech,  conferenza internazionale sull’innovazione digitale. Si parlerà di narrativa e nuovi modelli di gestione dei diritti,  del ruolo delle case editrici nell’era digitale e dell’ePub 3, ovvero la nuova versione del formato standard dell’ebook.
Dopo questa full immersion forse avremmo le idee più chiare oppure no, una cosa è certa il web ha cambiato il modo di comunicare, di informarsi di relazionarsi; è poco intelligente resistere e rimanere ancorati al passato, così come è poco credibile chi prevede l’estinzione degli strumenti che fino ad oggi hanno veicolato le parole: i giornali ed i libri.

Commenti

Post popolari in questo blog

Smith & Wesson di Baricco

Baricco ci sa fare con le parole, non lo scopro certo io. Sa scrivere, sa costruire storie e creare prodotti di narrativa. La narrativa è anche un prodotto, nella forma di libro lo è. Questo, Smith & Wesson, è mediocre. 
Per chi come me ha tanti libri di Baricco nella propria libreria e li ha pure letti ed apprezzati, non si può accontentare di una sceneggiatura come questa, banale sin dal titolo.  Ci sono alcuni passaggi alla Baricco, certo, e ci mancherebbe, ma manca del tutto quella magia, che quando affronti i suoi testi ti prende: leggi, ti fermi un attimo, e poi rileggi, ti fermi, vai avanti così per tutto il libro e quando hai finito di leggerlo ti dispiace e lo riapri, il libro, alla ricerca di quel passo che più ti è piaciuto e poi quell’altro e l’altro ancora, e cerchi di impararli a memoria, li appunti su un pezzo di carta che riponi accanto al letto sul comodino e prima di andare a dormire, ogni tanto li rileggi.
Baricco è un sacerdote laico della parola. In questo libro…

L'egemonia digitale di Renato Curcio

Questo libro ci restituisce le narrazioni d’esperienza di chi ha partecipato a un cantiere socianalitico che si è interessato alle modalità con cui l’impero virtuale cerca di costruire una capacità egemonica sul mondo del lavoro.
I lavoratori di diversi settori, sanitario, istruzione, giuridico, servizi, trasporti ecc.. hanno raccontato la loro esperienza di lavoro; il radicale cambiamento del lavoro ma più profondamente il proprio rapporto con gli strumenti digitali che mediano l’attività lavorativa.
Il libro ci invita a riflettere su questo processo in atto da tempo, l’impatto delle nuove tecnologie sul mondo del lavoro e il disorientamento dei lavoratori. “Io sono l’Automa”, così si è presentato a una visita medica obbligatoria, un lavoratore Acea di Roma. “ In che senso, scusi?” gli ha chiesto la dottoressa. E lui, con un tono angosciato: ”Nel senso che ormai non sono più una persona, il tablet personale mi comanda come un robot; nel senso che mi sento un automa, gli presto le mani…

La bambina di neve di Eowyn Ivey

L’autrice è Eowyn Ivey, lavora part-time in una libreria indipendente, proprio lì, un giorno, ha scoperto una favola russa, Snegurochka e ne ha tratto ispirazione per il suo primo romanzo - editore Einaudi -, una favola malinconica.
Jack e Mabel, due coniugi non più giovani, si trasferiscono in Alaska. Cercano un po’ di serenità, la loro vita è segnata da una disgrazia: la perdita di un bambino. Alpine, sul fiume Wolverine, è un luogo ideale per ricominciare daccapo, nulla qui può rimandare al passato. C’è il silenzio che Mabel auspicava, ma c’è anche da fare i conti con una vita nuova, senza nessuna comodità, in cui tutto va costruito e guadagnato. Una sera nevica e, marito e moglie modellano nel giardino, davanti alla capanna, un pupazzo di neve, dandogli le sembianze di una bambina. Il giorno dopo il pupazzo è distrutto, mancano la sciarpa e i guantini, ma la vita è imprevedibile e questo posto è tutto da scoprire. Tra gli alberi, due occhi azzurri guardano nella direzione di Jack