Passa ai contenuti principali

Brunetta: questa è l'Italia peggiore. Santoro: tutti in piedi



L’Italia è cambiata, e se chi ci rappresenta nelle stanze dei bottoni non ne prende atto - perché percepirlo capisco che è un esercizio difficile – ma addirittura scappa di fronte ad una richiesta di confronto si accresce quello scollamento tra palazzo e società reale, che potrebbe sfociare, senza un reale cambiamento, in atti esasperati.

Ormai da tempo tutti attendiamo quelle riforme strutturali che il paese necessita e che da ormai vent’anni ci erano state promesse con discese in campo e con politiche del fare, ma tutto è cambiato e tutto è rimasto com’ era.

Con l’inizio dell’inchiesta denominata tangentopoli tutti pensammo ad una nuova Italia, invece non solo non abbiamo visto l’alba di una seconda repubblica, ma le mani che tutti i mezzi di comunicazione ci annunciavano da lì a poco sarebbero state pulite, ritornarono a sporcarsi immediatamente, con l’aggravante della teatralità e rivendicazione, tanto che quasi vi è stato un ribaltamento dei valori morali: chi ha compiuto il proprio dovere di cittadino spesso in questi anni si è sentito sbeffeggiato.

E’ impossibile tenere ormai sotto controllo un’ insoddisfazione che tocca il paese tutto, e il bavaglio alle tv non ha più la stessa efficacia di un tempo, perché oggi l’informazione e la comunicazione vanno oltre la tv, e la radio.

Il web è un mezzo immediato, democratico e partecipato che sta sempre più cambiando le regole del gioco, sono recenti gli echi di rivolte nei paesi africani, che si sono organizzati costituendo movimenti di opinione su facebook e raccontando ciò che le tv ufficiali oscuravano, su twitter, in tempo reale, recente è il fermento del movimento de los indignados  che è nato e si è diffuso attraverso il web.

Giudicare chi dice il vero, caro ministro oggi è più semplice perché la realtà ha diverse rappresentazioni che è impossibile imbrigliare e manovrare, ed anche se Lei ha preferito dileguarsi, quello che la rete dei precari avrebbe voluto dire lo possiamo ascoltare ugualmente qui, così come chi pensa di chiudere spazi televisivi, per imbavagliare le voci, ha come risposta un'eco.

Non ci resta che alzarci tutti in piedi e riprendirci l'Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non tutti i bastardi sono di Vienna

Ti ho preso bastardo!”, dice don Lorenzo, uno dei personaggi del romanzo a pagina 287, svelando il perché del titolo. 
La storia è ispirata ad alcuni fatti realmente accaduti, narrati nel Diario dell’invasione di Maria Spada  prozia dell’autore Andrea Molesini, al suo primo romanzo, edito da Sellerio, vincitore del XLIX Premio Campiello.
Tra il 9 novembre 1917 e il 30 ottobre 1918 la famiglia Spada, verso la fine della Prima Guerra Mondiale, dopo la battaglia di Caporetto, diventa prigioniera in casa propria degli austriaci.
Narrata in prima persona da Paolo Spada un diciassettenne orfano che nell’ultimo anno della Grande Guerra conosce l’amore e la morte, mentre l’Italia sconfitta prepara la riscossa, la storia è arricchita da altri personaggi: nonno Guglielmo, cinico e dispensatore di sentenze,nonna Nancy, “a dispetto dei suoi settant’anni” una donna colta e ardita, “fra noi e questa gente voglio un fossato fatto di labbra serrate e di sguardi scortesi” dice alla famiglia chiamata a r…

L'egemonia digitale di Renato Curcio

Questo libro ci restituisce le narrazioni d’esperienza di chi ha partecipato a un cantiere socianalitico che si è interessato alle modalità con cui l’impero virtuale cerca di costruire una capacità egemonica sul mondo del lavoro.
I lavoratori di diversi settori, sanitario, istruzione, giuridico, servizi, trasporti ecc.. hanno raccontato la loro esperienza di lavoro; il radicale cambiamento del lavoro ma più profondamente il proprio rapporto con gli strumenti digitali che mediano l’attività lavorativa.
Il libro ci invita a riflettere su questo processo in atto da tempo, l’impatto delle nuove tecnologie sul mondo del lavoro e il disorientamento dei lavoratori. “Io sono l’Automa”, così si è presentato a una visita medica obbligatoria, un lavoratore Acea di Roma. “ In che senso, scusi?” gli ha chiesto la dottoressa. E lui, con un tono angosciato: ”Nel senso che ormai non sono più una persona, il tablet personale mi comanda come un robot; nel senso che mi sento un automa, gli presto le mani…

Kindle da oggi anche in Italia

Il vostro mal di schiena è peggiorato da quando leggete gli ebook sul vostro pc? Be' forse c'è un rimedio. E' disponibile da qualche ora sul sito Amazon Italia il Kindle Basic:  schermo da 6 pollici ad inchiostro elettronico E Ink;alto 16,6 cm largo 11,4 cm con uno spessore di 0,87 cm.pesa solo 170 grammi;contiene fino a 1.400 libri
Certo sul mercato c'erano altri ebook reader  ma ho l'impressione che la facilità di utilizzo e sopratutto il prezzo contenuto di questo siano elementi che stuzzicano all'acquisto.
Il prezzo? 99,00 euro.
Se vuoi acquistarlo qui
Se vuoi scegliere gli ebook in italiano qui