Passa ai contenuti principali

Brunetta: questa è l'Italia peggiore. Santoro: tutti in piedi



L’Italia è cambiata, e se chi ci rappresenta nelle stanze dei bottoni non ne prende atto - perché percepirlo capisco che è un esercizio difficile – ma addirittura scappa di fronte ad una richiesta di confronto si accresce quello scollamento tra palazzo e società reale, che potrebbe sfociare, senza un reale cambiamento, in atti esasperati.

Ormai da tempo tutti attendiamo quelle riforme strutturali che il paese necessita e che da ormai vent’anni ci erano state promesse con discese in campo e con politiche del fare, ma tutto è cambiato e tutto è rimasto com’ era.

Con l’inizio dell’inchiesta denominata tangentopoli tutti pensammo ad una nuova Italia, invece non solo non abbiamo visto l’alba di una seconda repubblica, ma le mani che tutti i mezzi di comunicazione ci annunciavano da lì a poco sarebbero state pulite, ritornarono a sporcarsi immediatamente, con l’aggravante della teatralità e rivendicazione, tanto che quasi vi è stato un ribaltamento dei valori morali: chi ha compiuto il proprio dovere di cittadino spesso in questi anni si è sentito sbeffeggiato.

E’ impossibile tenere ormai sotto controllo un’ insoddisfazione che tocca il paese tutto, e il bavaglio alle tv non ha più la stessa efficacia di un tempo, perché oggi l’informazione e la comunicazione vanno oltre la tv, e la radio.

Il web è un mezzo immediato, democratico e partecipato che sta sempre più cambiando le regole del gioco, sono recenti gli echi di rivolte nei paesi africani, che si sono organizzati costituendo movimenti di opinione su facebook e raccontando ciò che le tv ufficiali oscuravano, su twitter, in tempo reale, recente è il fermento del movimento de los indignados  che è nato e si è diffuso attraverso il web.

Giudicare chi dice il vero, caro ministro oggi è più semplice perché la realtà ha diverse rappresentazioni che è impossibile imbrigliare e manovrare, ed anche se Lei ha preferito dileguarsi, quello che la rete dei precari avrebbe voluto dire lo possiamo ascoltare ugualmente qui, così come chi pensa di chiudere spazi televisivi, per imbavagliare le voci, ha come risposta un'eco.

Non ci resta che alzarci tutti in piedi e riprendirci l'Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le otto montagne di Paolo Cognetti

È una storia di formazione, di padri, di figli e di amicizia. Al centro della storia la montagna, più che un luogo un altro personaggio, il principale, un simbolo.
Pietro vive a Milano è un ragazzino introverso, la mamma lavora in un consultorio e il papà è un chimico. Appena possono e soprattutto in estate si trasferiscono in montagna, a Grana un paese ai piedi del monte Rosa. I genitori si sono conosciuti in montagna, innamorati e sposati, Pietro in montagna ha conosciuto Bruno, il suo unico amico. Bruno ci vive in montagna, porta al pascolo le mucche, lavora il formaggio con i cugini e gioca con Pietro tra i ruderi e il torrente. In quegli anni Pietro inizia a camminare con il padre alla scoperta delle cime e di se stesso e in quelle montagne dopo la morte del padre lì lo riscoprirà.Cognetti è proprio bravo, usa la lingua senza fronzoli, le parole sono quelle giuste, concrete. Le otto montagne è un caso editoriale, venduto circa in 30 paesi in occasione della Fiera di Francoforte, …

Una sera di luglio di Carlo Scalfaro

Una sera di luglio del 1961, Carlo Scalfaro salii su un treno, aveva quindici anni. Il treno era diretto a Torino dove si sarebbe svolta la manifestazione nazionale della federazione giovanile comunista e la mostra “Italia 61” organizzata per la celebrazione dei primi cento anni dell’Unità d’Italia. Questo libro è il racconto del percorso personale, politico di quel ragazzo, di quella generazione a partire da quella sera del 1961. Un racconto di parte, di un comunista che ancora in larga misura analizza la realtà attraverso il metodo marxista, senza ritenersi sconfitto ma sapendo che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta. Carlo Scalfaro è stato un dirigente del Partito comunista catanzarese e poi un dirigente sindacale della Cgil. Attraverso i suoi ricordi questo libro restituisce a chi c’era la memoria di quegli anni, a chi non c’era fornisce elementi di conoscenza su un periodo molto vivace della storia calabrese e italiana, dall’omicidio di Gigino Silipo…

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…