Passa ai contenuti principali

La rivoluzione del Nilo in un libro



L’uscita del libro è prevista per il prossimo 25 gennaio, in occasione del primo anniversario della rivoluzione egiziana, ad annunciarlo è l’editore statunitense, Houghton Mifflin Harcourt, che ne ha acquistato i diritti per una traduzione in inglese.

Il libro Revolution 2.0, questo il nome, verrà scritto in arabo, dal trentenne Wael Ghonim responsabile del settore marketing per Google in Medio Oriente, simbolo della rivolta in piazza Tahrir, contro l'ex presidente Hosni Mubarak, Ghonim è stato da subito tra i promotori della rivoluzione egiziana del 2011, attraverso il proprio blog ed indicato lo scorso aprile dal Time, la persona più influente del 2011.

Nessuno e credo neanche lui nel momento in cui ha creato la pagina facebook We Are All Khaled Saied poteva immaginare che un anonimo blogger, potesse diventare uno dei più attivi, e riconosciuti membri alla guida del movimento dei rivoltosi.

Il libro sarà l'occasione per riflettere attraverso il racconto del protagonista, su come è stato possibile, creare uno sconvolgimento di tale portata partendo dalla capacità di aggregare dei social network.

C'era chi diceva:  la rete ci rende più soli, chissà cosa pensa ora.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…