Passa ai contenuti principali

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio di Murakami Haruki



La sofferenza è il tema dell’ultimo libro di Murakami, e il “pellegrinaggio” che segue la perdita e conduce a se stessi, a ritrovarsi. 

Tazaki Tsukuru abita a Nagoya e insieme ai suoi quattro amici, due femmine e due maschi, formano un gruppo affiatato, almeno fino al secondo anno di università, quando riceve una telefonata da Ao, che gli dice di non farsi più sentire e di non cercarli. Da allora non avrà più nessuna notizia dei quattro.


Il ragazzo cade in una profonda depressione e il suo unico desiderio sarà morire, senza averne la volontà, “Se Tsukuru non tentò mai realmente di suicidarsi, fu forse perché la sua idea della morte era così pura e intensa, che nella mente non riusciva ad associarla a un’immagine concreta. Il problema della realizzazione pratica restava in secondo piano. Se si fosse imbattuto in una porta che conduceva alla morte, probabilmente l’avrebbe aperta senza esitazioni. Per lui sarebbe stato un prolungamento dei gesti quotidiani, che non avrebbe richiesto alcuna profonda riflessione. Tuttavia, fortunatamente o no, intorno a sé quella porta non la vide mai.”.

Trascorsi sei mesi, Tsukuru, risale faticosamente dagli abissi del dolore e torna alla vita, profondamente cambiato nel corpo e nell’animo. Ma un’ombra lo accompagnerà fino all’età di trentasei anni, quando incontra Sara, che intuisce la sua inquietudine e lo spinge a fare i conti con il passato. 

Affronterà un viaggio, non solo geografico ma anche nel profondo di sé stesso, che lo porterà a scoprire il velo di insicurezza che copriva la sua personalità incolore, e conoscerà particolari dei suoi vecchi amici che non immaginava. 

Con 1Q84 Murakami ha esplorato un mondo infinitamente grande, metafisico, con questo libro un mondo infinitamente piccolo ma non meno misterioso.

L’uomo, nel suo io più profondo, porta con sé “regioni” inesplorate, che grandi dolori attivano manifestando ricordi sopiti, verità dimenticate, dubbi irrisolti.

Leggere questo libro significa incamminarsi in un viaggio oscuro, perché non conosciuto, ma illuminante, che ci porrà di fronte al più grande enigma di ognuno: sé stesso.


L'incolore Tazaki Tsukuru e il suo anno di pellegrinaggio di Murakami Haruki


Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 272

Commenti

Post popolari in questo blog

Come donna innamorata di Marco Santagata

L'impero virtuale di Renato Curcio

Un piccolo libro, si legge in qualche ora, ma vi lascerà la mente occupata per giorni interi. Tanti sono, infatti, gli elementi che Curcio ha analizzato e che aprono a una riflessione cosciente sull’impero virtuale. La scrittura asciutta e discorsiva permette una comprensione del testo anche se i temi trattati sono enormi. Da non sottovalutare è la preziosa bibliografia che fornisce ulteriori indicazioni per chi abbia voglia di approfondire.

Il libro non racconta la storia di Internet e non ci trovate delle prese di posizione a favore o contro, il lavoro di Curcio non si pone né tra gli “apocalittici” né tra gli “integrati”. Internet è tante cose: è evidente che ha velocizzato la possibilità di comunicare e semplificato lo scambio di contenuti, ma questo testo ci illumina, ci dà gli elementi di comprensione per svelare il mondo “altro” in cui il “me altro”, “un me con altro nome” virtualmente vive.  Siamo oramai abituati a considerare come normale il controllo dei contenuti che scambiam…

Non luogo a procedere di Claudio Magris

Nei romanzi storici realtà e finzione si alternano, si mischiano; accade anche nell’ultimo libro di Magris. Il protagonista, che non viene mai nominato, è ispirato a Diego de Henriquez, nome poi italianizzato inDiego de Enriquez, fu uno studioso e collezionista triestino di cimeli soprattutto bellici.  Enriquez fu un archivista della guerra, non perché amava i suoi orrori, ma, al contrario riteneva la pace il bene sommo dell’umanità, convinto che il Museo“Centro internazionale abolizione guerre e per la fratellanza universale e per l’abolizione del male e della morte dal passato e dal futuro, a mezzo dell’invenzione del tempo quale conseguenza dello svincolamento dallo spazio-tempo”, potesse essere un potente modo per ricordarlo.
Il Museo venne realizzato dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose il 2 maggio 1974, durante un incendio notturno sviluppatosi in uno dei suoi depositi. Diverse sono state le inchieste ma non hanno portato da nessuna parte; si passerà presto dall&…